Il fenomeno Clubhouse e il ruolo dei messaggi vocali nelle App Mobili

Tabella dei Contenuti

Clubhouse il fenomeno del Social Audio Chat

Social di Audio Chat

Le applicazioni mobili social incentrate sulla voce, piuttosto che sui messaggi, sui video o sulle immagini, sono il nuovo trend nel mirino di molti imprenditori creativi ed investitori.

L’argomento in questione ci porta inevitabilmente a parlare del fenomeno di Clubhouse, il social network con chat audio ad invito lanciato nel 2020 dalla Alpha Exploration Co. e creato da Paul Davison e Rohan Seth.

Cos'è Clubhouse?

Immaginate di avere un’app sul vostro telefono che vi permetta di ascoltare le conversazioni dal vivo delle altre persone. Non fraintendete: non si tratta di spiarle dato che queste persone desiderano essere ascoltate. Potrebbero anche essere famose, interessanti o, almeno, competenti (il che non è affatto garantito). E vi può essere data perfino l’opportunità di unirvi alla chat.

Potete considerare quest’app come un social network di audio-chat.

Come funziona?

Il lancio di Clubhouse è avvenuto nel marzo 2020 ed è diventato subito un grande affare per pochi eletti, in parte a causa della sua esclusività iniziale su invito, molto simile all’iscrizione a un club del mondo reale. In quei primi giorni, si trattava di una piccola comunità, composta principalmente da capitalisti e vip. Dopotutto, la società dietro Clubhouse-Alpha Exploration Co. ha ricevuto un investimento iniziale di 12 milioni di dollari da Andreessen Horowitz dopo due soli mesi di esistenza e in poco tempo ha raggiunto un valore di 100 milioni di dollari, quando all’epoca aveva solo 1.500 utenti. (Valutazione ad aprile 2021: 4 miliardi di dollari).

Quindi non ci sono foto o video? Nossignore. Solo le foto di profilo per ogni utente.

Clubhouse è attualmente disponibile su iOS e Android. È stata lanciata prima su iOS ma ora è disponibile su Android in tutto il mondo.

Oggi chiunque può iscriversi, infatti Clubhouse non è più solo su invito. Chiunque abbia un iPhone o uno smartphone con Android può avere accesso. Clubhouse ora supporta anche 13 lingue oltre all’inglese su Android: Francese, Tedesco, Hindi, Indonesiano, Italiano, Giapponese, Kannada, Coreano, Malayalam, Portoghese (Brasiliano), Spagnolo, Tamil e Telugu. Su iOS, ci sono didascalie chiuse automatiche.

Le chat audio sociali

Stanze e conversazioni

Ok ma, una volta iscritti al social la domanda sorge spontanea: cosa dovrei ascoltare su Clubhouse?

Quando finalmente si ottiene l’accesso, l’applicazione offre una pagina piena di argomenti di conversazione da seguire, dallo sport alla tecnologia, agli affari mondiali, alla fede, e così via. In ognuno, troverete persone interessate alla stessa materia, e potrete seguirle. Più argomenti e persone seguite, più è probabile ricevere suggerimenti per una stanza che si adatta ai vostri desideri.

All’inizio, le stanze di conversazione andavano e venivano man mano che le persone le lanciavano o le terminavano. La situazione è cambiata a novembre con il lancio di Replay su iOS e Android che permette al creatore di una stanza di registrare la conversazione, salvarla sul proprio profilo o club, per poi permettere a chiunque di scaricarla e ascoltarla in seguito (sì, proprio come un podcast).

Clubhouse sta anche introducendo una caratteristica chiamata Clips che permetterà a chiunque sia in una stanza pubblica di creare una clip di 30 secondi della conversazione che si sta svolgendo, per condividerla con altri per farli partecipare.

Quante persone possono essere in una conversazione?
Il limite attuale è di 8.000 persone per stanza Clubhouse, ma detto limite può essere disattivato, a discrezione di Clubhouse.
Ogni giorno sul social vengono create circa 700.000 stanze.

Lo “stile” della conversazione è variabile: una stanza potrebbe essere una casuale conversazione tra amici, mentre un’altra potrebbe trattarsi di un’intervista più formale in stile talk-show, una grande discussione di gruppo, o anche una sessione di condivisione della musica. Se qualcuno di interessante entra in una stanza, come ad esempio un miliardario, un vip, una celebrità ecc. il creatore/moderatore della stanza può metterlo sul “palco” come oratore.

Quali sono i lati negativi di Clubhouse?

Il servizio ha già avuto alcuni problemi a causa di alcuni discorsi d’odio e di abusi, così ha dovuto istituire delle linee guida per la moderazione della comunità in ottobre. Ha fatto un errore comune: fidarsi degli utenti, senza considerare che la mamma dei cretini è sempre incinta.

È stato bloccato in Cina nel febbraio 2021, in quanto offre un po’ troppa libertà di espressione per il governo locale. Questo è solo un lato negativo se si vive in Cina.

Successo o flop?


All’inizio del 2021, il buzz su Clubhouse era incessante e, particolarmente nella Silicon Valley, in molti erano pronti a scommettere che l’app sarebbe stata il futuro dei social media.

Nel 2021, in effetti, Clubhouse è stata l’app di social media con la crescita più rapida della storia. Mirava a rendere popolare l’audio piuttosto che il testo o le immagini come il prossimo grande mezzo sociale, dato che le persone cercavano modi per comunicare nei periodi di blocco, e ha attirato paragoni con Snap o TikTok. Ma con l’avvicinarsi della fine dell’anno, la bolla di Clubhouse sembra essere scoppiata, dato che la mania intorno all’app si è placata, i download sono scesi drasticamente e l’azienda ha dovuto affrontare un assalto di prodotti concorrenti di gruppi tecnologici più grandi, come Meta e Twitter.

Il suo amministratore delegato Paul Davisoncontinua a spiegare che la stasi è solo parte del tipico ciclo di vita “picco e calo” di una start-up sociale, e che le caratteristiche copiate dai nuovi rivali non hanno influenzato l’azienda “in alcun modo reale”. 

Dopo aver primeggiato a lungo nelle classifiche degli app store in più paesi, a giugno – un mese dopo il lancio su Android – Clubhouse ha raggiunto un picco di quasi 9 milioni di download, secondo i dati di App Annie. Tuttavia, a novembre, il numero è sceso a 920.000 download.

Le preoccupazioni circa la raccolta di dati di Clubhouse, poi, tra cui le rubriche, ha scatenato un esame normativo. I regolatori francesi hanno aperto un’indagine sulla conformità dell’azienda con le regole europee sulla privacy a marzo, e i regolatori in Germania hanno chiesto maggiori informazioni sulle sue pratiche di raccolta dati.

 

Il futuro della tecnologia vocale applicata alle app e al web

Dopo che visionari imprenditori e creativi pionieri si sono trasformati in giganteschi players accaparrandosi enormi quote di mercato grazie alla capacità di specializzarsi in una specifica nicchia sociale, come hanno fatto Instagram e Pinterest con le immagini, WhatsApp e Telegram con le chat telefoniche, TikTok con i video ecc. è chiaro, oggi più che mai, che la nicchia delle chat vocali potrebbe costituire una nuova corsa all’oro.

Le implicazioni delle nuove tecnologie vocali riguardano tanto lo sviluppo di app mobili, che lo sviluppo di moderni siti web e l’argomento ha richiamato l’attenzione di diversi esperti che si sono espressi in merito all’impatto che, secondo loro, la tecnologia vocale avrà nel 2022. Tra queste voci spicca quella di Joe Hagan, Chief Product Officer e responsabile del portafoglio prodotti LumenVox, secondo cui le aziende che hanno migliorato la loro tecnologia vocale si ritrovano già oggi con relazioni più forti con i clienti e più quote di mercato. L’innovazione della tecnologia vocale ha dimostrato il suo potere nell’elevare l’esperienza del cliente di con capacità che includono la conversione della lingua parlata in testo, assistenti virtuali, sottotitoli chiusi e computer a mani libere.

Poiché i nuovi motori ASR offrono capacità all’avanguardia come la biometria vocale, l’analisi dell’andamento delle chiamate e il riconoscimento vocale superiore, le aziende stanno rivoluzionando i loro modi di comunicare. Inoltre, poiché la tecnologia vocale si integra ulteriormente con le operazioni aziendali, le aziende otterranno l’accesso a dati solidi che possono impattare sulle decisioni aziendali. Le aziende che non hanno ancora abbracciato la moderna tecnologia vocale faranno bene ad accelerare il loro investimento e ad evolversi con essa.

 

Il futuro dell'audio nelle app mobili

Previsioni

  • AI e ML nelle soluzioni vocali si evolveranno
    I progressi significativi nell’intelligenza artificiale e nell’apprendimento automatico continuano ad avere un enorme impatto su come interagiamo con le nostre applicazioni. L’uso crescente di dispositivi alimentati dall’intelligenza artificiale significa che gli algoritmi di ricerca devono evolversi per accogliere l’apprendimento automatico (ML) e supportare i crescenti casi d’uso della tecnologia vocale. Sempre più aziende permetteranno ai consumatori di interagire attraverso la conversazione piuttosto che la sola interazione visiva per il web e le applicazioni. Questo cambiamento cambierà il modo in cui le aziende coltivano le relazioni con i clienti.
  • L’uso dei chatbot vocali continuerà ad aumentare
    Con la crescita della tecnologia vocale, i leader aziendali e i responsabili delle decisioni dovranno rapidamente abilitare la voce alle nuove applicazion che potranno servire un numero crescente di consumatori perché utilizzano un ampio modello di linguaggio con algoritmi altamente efficienti e accurati – particolarmente utili per servire una base di utenti più diversificata. I chatbot abilitati alla voce forniscono diversi vantaggi, tra cui risposte più rapide e tempi di attesa nulli, migliori interazioni bidirezionali, migliori esperienze dei clienti e rilevamento delle frodi.
  • I consumatori si aspettano esperienze più personalizzate
    I clienti si aspettano esperienze più personalizzate man mano che diventano più sofisticati e tecnologici. Le aziende che si avvantaggiano delle innovative capacità di personalizzazione si troveranno a costruire relazioni più forti e significative con i loro clienti, utilizzando ML ed elaborazione del linguaggio naturale (NLP) all’avanguardia con sentiment analysis, per identificare il vero significato delle richieste dei clienti. Identificando intenti e scopi, i marchi possono generare risposte accurate per una maggiore soddisfazione del cliente.
  • Sviluppatori cittadini e l’aumento delle soluzioni low-code/no-code
    Nel prossimo anno, vedremo una grande crescita nelle applicazioni low-code/no-code e la crescente elevazione e integrazione del movimento dei citizen developer. Questo passo avanti sta alimentando le organizzazioni ad operare in modo più fluido nel regno IT, permettendo alle aziende di creare soluzioni self-service (app e servizi aziendali) per soddisfare esigenze in rapida evoluzione.

Conclusioni

L’accesso alla tecnologia di livello enterprise ha subito una significativa democratizzazione, permettendo alle aziende di selezionare la migliore tecnologia per ogni funzione tecnica senza l’onere di costosi incarichi di servizi professionali o di sforzare i dipartimenti IT. La facilità e l’accessibilità delle soluzioni low-code/no-code insieme a un set di strumenti intuitivi permettono alle imprese di progettare e gestire facilmente soluzioni per casi d’uso unici.

La tecnologia vocale e il suo ruolo nelle operazioni aziendali stanno subendo una rapida trasformazione. Le innovazioni abbondano, e le imprese stanno costruendo e innovando verso un’enfasi più sostanziale sulla tecnologia vocale per costruire migliori relazioni con i clienti ed elevare i processi aziendali. Tecnologie critiche come l’AI e l’NLP alimenteranno le capacità abilitate dalla voce, rendendo la tecnologia vocale più utile a diversi tipi di pubblico.

Nel 2022 e oltre, le imprese abbracceranno le tecnologie vocali abilitate all’AI/ML come i chatbot, gli assistenti virtuali e l’hands-free computing per offrire esperienze più personalizzate ai clienti e per rivoluzionare i processi utilizzando soluzioni low-code/no-code, biometria vocale e altre tecnologie.

Nel prossimo anno, vedremo una grande crescita nelle applicazioni low-code/no-code e la crescente elevazione e integrazione del movimento dei citizen developer. Questo passo avanti sta alimentando le organizzazioni ad operare in modo più fluido nel regno IT, permettendo alle aziende di creare soluzioni self-service (app e servizi aziendali) per soddisfare esigenze in rapida evoluzione.

Parlaci del tuo progetto