Sviluppo di App mobili “low code” e “no code”: quali opportunità?

Il 2021 è stato un anno intenso per lo sviluppo app low-code e no-code.

Sia gli “sviluppatori cittadini” che quelli professionisti avranno a disposizione una grande quantità di soluzioni low-code e no-code, tanto che si prevede che il 2022 sarà l’anno in cui gli sviluppatori non professionisti prenderanno finalmente le redini dello sviluppo di applicazioni nelle loro rispettive linee di business.

Sia i non sviluppatori che gli sviluppatori vedono sempre di più una maggiore sofisticazione nelle applicazioni che possono costruire con approcci a basso codice o addirittura senza codice. Per esempio, uno degli annunci usciti dalla recente conferenza re:Invent di AWS è stata un’offerta di piattaforma migliorata, Amazon SageMaker Canvas, progettata per rendere lo sviluppo AI accessibile alle masse attraverso una capacità visiva, senza codice, che permette agli analisti di business di costruire modelli di apprendimento automatico e generare previsioni accurate senza scrivere codice o richiedere competenze di apprendimento automatico.

Molti altri fornitori stanno virando verso offerte che richiedono poca o nessuna conoscenza di codifica, con gran parte dell’integrazione backend e della logica nascosta in background, alimentata da automazione e AI.

Dopo anni di anticipazioni e delusioni, l’era dello “sviluppatore cittadino” potrebbe essere finalmente arrivata.

Quasi la metà (47%) delle imprese in un sondaggio di TechRepublic usa ora low-code e no-code nelle proprie organizzazioni. Uno su cinque di quelli che non lom adottano ancora hanno affermato che intendono adottare la tecnologia nel corso del prossimo anno.

“L’automazione è al posto di guida per gran parte di questo cambiamento”, dice Daniel Dines, CEO e co-fondatore di UiPath, in un post a Wired.

“Finora i team IT o i centri di eccellenza di automazione hanno guidato gran parte di questo sviluppo iniziale. Nel 2022, tuttavia, gli sviluppatori cittadini saranno in prima linea in questa accelerazione”.

Idealmente, low-code e no-code porteranno a poca o nessuna dipendenza dall’IT “per aggiornare il sito con nuovi prodotti, contenuti o prezzi”, dice Nuno Pedro, general manager e global head of commerce solutions di SAP.

“I piccoli rivenditori, per esempio, sono in grado di apportare rapidi cambiamenti ai loro cataloghi di prodotti online senza alcun coinvolgimento dell’IT. Il che significa anche un costo totale di proprietà più basso perché offre blocchi di costruzione riutilizzabili”.

Anche gli sviluppatori professionisti si stanno unendo alle fila degli sviluppatori low-code e no-code – IDC stima che il 40% della popolazione di utenti di strumenti low-code sono sviluppatori professionisti, con un altro 33% come sviluppatori part-time, e il restante 27% come sviluppatori “non compensati”.

Gli sviluppatori a tempo pieno non sono estranei alle piattaforme di sviluppo no-code: “Salesforce e Microsoft Power Apps, per esempio, sono entrambi ampiamente utilizzati dagli sviluppatori a tempo pieno, così come le piattaforme di gestione dei contenuti che sfruttano Drupal e Joomla”, dice l’analista di IDC Arnal Dayaratna. “La forte penetrazione degli strumenti di sviluppo di applicazioni low-code tra gli sviluppatori a tempo pieno illustra come la demografia degli sviluppatori ha già iniziato a cambiare in modo tale che gli sviluppatori non sono più definiti dalla loro competenza nella codifica, ma sono piuttosto definiti dalla loro capacità di costruire soluzioni digitali”.

C’è una logica per gli sviluppatori che abbracciano metodologie low-code e no-code: “Gli sviluppatori amano codificare, ma ciò che amano di più è creare, indipendentemente dal linguaggio”, sostiene Steve Peak, fondatore di Story.ai.

“Gli sviluppatori sono sempre alla ricerca di nuovi strumenti per creare più velocemente e con più divertimento. Una volta che il low and no code diventa uno strumento che gli sviluppatori hanno più controllo su ciò che hanno veramente bisogno di fare, lo useranno senza dubbio in quanto sarà d’aiuto per fare il lavoro più velocemente e con più divertimento”.

Allo stesso tempo, c’è ancora molto lavoro da fare – da parte degli sviluppatori professionisti, naturalmente – prima che le vere capacità low-code o no-code si consolidino come una realtà. “Anche gli strumenti più popolari sul mercato richiedono una significativa conoscenza delle API e molto probabilmente un’esperienza JavaScript”, dice Peak. “I prodotti che non richiedono API o esperienza JavaScript sono limitati nella funzionalità e spesso assomigliano a tavole Kanban personalizzate e a fogli di calcolo più ricchi di media in cui la logica dell’informazione è quasi del tutto assente”.

Il marketing e le vendite sono aree primarie in cui i citizen developer stanno emergendo. “Low-code e no-code permettono alle organizzazioni di essere agili e sperimentali nella customer experience così come consentono anche ai marchi di essere molto reattivi al mercato e alle risposte e ai bisogni dei clienti, guidando le innovazioni basate sui cambiamenti man mano che arrivano. Low-code e no-code diventano così un trampolino di lancio per un’organizzazione che può portare rapidamente un’idea alla realizzazione con la capacità di dargli una firma unica del marchio utilizzando personalizzazioni che sfruttano le API headless. Il che è vantaggioso per le implementazioni perché i servizi possono concentrarsi sulla differenziazione del loro sito, perché le capacità commerciali standard sono facilmente realizzabili fuori dalla scatola”.

Le piattaforme low-code e no-code non sono gli unici approcci che aprono la strada agli sviluppatori professionisti e cittadini. Un’analisi separata di IDC indica le capacità derivanti dalla tendenza del serverless computing che semplifica il processo di costruzione e distribuzione delle applicazioni. “C’è un numero crescente di strumenti e ambienti che supportano il movimento low-code/no-code, che astrae sia lo sviluppo che le procedure operative e i protocolli dagli sviluppatori professionisti e ‘cittadini’. Serverless è un passo fondamentale a sostegno del concetto di applicazioni costruite in stile ‘LEGO-block’, facilmente assemblate e smontate su richiesta come il business richiede, senza la necessità di competenze tecniche nello sviluppo o nelle metodologie operative. (Nota: sono co-autore di questo rapporto insieme agli analisti di IDC Al Gillen e Larry Carvalho).

Alcune tendenze chiave stanno convergendo per rendere low-code e no-code una realtà e una necessità. “Un drammatico aumento del numero di strumenti software cloud sul mercato, ha portato l’impresa media a utilizzare più di 1.000 diversi strumenti software”, dice Alistair Russell, co-fondatore e CTO di Tray.io. “Un’altra tendenza è l’economia API, il nuovo ecosistema di software basato sul cloud che utilizza le API per comunicare tra loro, e dà anche agli sviluppatori di terze parti il potere di costruire rapidamente funzionalità personalizzate in cima ai servizi esistenti. Queste due tendenze hanno causato una significativa sofferenza aziendale per le organizzazioni IT che servono team line-of-business con un elevato numero di software. Ora, apparentemente ogni team di marketing, vendite, supporto, finanza e HR ha bisogno di integrazioni API tra i loro numerosi strumenti software”.

In definitiva, a causa di low-code e no-code, il concetto di “impresa componibile” sta emergendo. “Invece di adottare l’approccio obsoleto di affidarsi a strumenti software limitati che possono essere migliorati solo con le risorse degli sviluppatori, stiamo vedendo le aziende assemblare e riassemblare rapidamente i blocchi funzionali per i loro processi più importanti”, dice Russell. “Nel modello di impresa componibile, le aziende possono reagire alle condizioni di mercato in rapida evoluzione adattando i loro strumenti e processi, in particolare perché i team di line-of-business sempre più esperti usano soluzioni low-code per autoservire. Di conseguenza, le organizzazioni IT possono rifocalizzare i loro sforzi sui progetti strategici che contano di più: trasformazione digitale, sicurezza, migrazioni cloud e costruzione di una customer experience di livello mondiale”.

 

Parlaci del tuo progetto